l’esperto del settore

di marcoparlato

Ho un problema con il blog.
Quando mi sto dedicando parecchio, o comunque con frequente e piacevole imposizione (?), alla scrittura di qualcosa, mi dimentico del blog.
Mi dimentico in misura patologica. Che cammino per strada e penso a un piccolo post da scrivere, un piccolo post che, appena tornato a casa, ho dimenticato.

Ripensandoci, e trovandomi a portata di computer, ho deciso di scriverne, alle 18.06. Che forse non è proprio l’orario ideale, per scrivere un post da pubblicare. Potrei usare la funzione di pubblicazione programmata, farlo uscire domani, all’orario che consigliano gli esperti del settore.
Ma non è da me. Gli esperti del settore sono una razza diversa.

Per esempio, tempo fa, quando mi iscrissi a Twitter, iniziai a seguire un utente preparatissimo in editoria, scrittura creativa, blogging, copywriting, marketing, promozione editoriale, editing, web content, social.
Il fatto è che anche con Twitter ho un problema. Ci vado due volte alla settimana, come media.
Così un giorno trovai un messaggio privato. Era dell’utente preparatissimo, che mi aveva scritto “Ciao”. Due giorni prima.
Dato il mio silenzio, aveva smesso di seguirmi.
Deve essere una sorta di regola, che se una persona non ti risponde su Twitter entro ventiquattro ore, non merita di essere seguita. Una di quelle regole inviolabili, che fanno parte del codice degli esperti di blogging, di social network, di marketing, di promozione editoriale.

Che a ripensarci, non mi dispiace non essere un esperto del settore.

Annunci